Crea sito

Quarta serie

O mio Signor, per quanto ancor (Salmo 13)

1.
O mio Signor, per quanto ancor
da me vuoi restar lontano?
E fino a quando l’empia mano
mi colpirà con impeto e furor?
Salvami Tu, mio Signore!

2.
Con la tua luce di bontà
ancor mi salvi dal male:
il mio nemico non prevale.
Per la tua grazia il cuore gioirà:
a te s’innalza il mio canto.

Dice il malvagio (Salmo 14)

1. Dice il malvagio “Certo Dio non c’è”
e non c’è più nessuno che faccia il bene.
Ma di malvagità le lor catene
li fan tremare, ancor davanti a Te,
o Re dei re.

2. Quando il Signor, tra i Suoi ritornerà
i Santi Suoi rifugio troveranno,
ed i malvagi dispereranno
perché il Signore il popol salverà
con gran bontà.

Signor, ascolta il mio lamento (Salmo 64)

1. Signor, ascolta il mio lamento
ché gli empi vogliono insidiar
la vita mia, calpestar
il giusto che, nel suo spavento,
resta sgomento.

2. Con le Sue frecce il gran Signore
l’empio mortale colpirà
ed il malvagio annienterà.
E i giusti a Dio con gran timore
daranno onore.

Popoli in coro, orsù lodate (Salmo 66)

1. Popoli in coro, orsù lodate
dell’universo il gran Signor!
Tutti con giubilo esaltate,
il nome Suo con lieto cuor.
Te contempliamo nel creato
in cui riveli il Tuo poter;
la sua salvezza hai preparato
secondo il santo tuo voler.

2. Tu puoi le fonti della vitachiudere e aprir con saggia man;
ai figli Tuoi dai pace ambita;
pur della morte sei sovran.
E quando afflitti dalla prova,
noi T’invochiam con fede e zel,
ecco la grazia Tua rinnova
forza e speranza ai Tuoi fedel.

Insegna Tu (Salmo 72)

1. Insegna Tu, nostro Signore, la Tua giustizia al re.
Egli governa con amore, del povero ha mercé.
Del bisognoso e dell’afflitto, è forte difensor,
e dell’oppresso e derelitto, egli è vendicator.

2. Viene il suo regno di giustizia, che pace porterà
e con la mano Sua propizia, il mondo reggerà.
Or gli avversari Suoi cadranno, davanti al suo fulgor,
i re del mondo a Lui verranno, e gli daranno onor.

3. La sua potente protezione, al povero darà.
Ogni violenza ed oppressione, Egli vendicherà.
Stende sul misero piangente, la Sua paterna man
ed ogni popol ed ogni gente, onore a Lui daran.

Perché, Signore, il popol Tuo dovrà (Salmo 74)

1. Perché Signore, il popol Tuo dovrà
viver disperso, sempre travagliato?
Ed il Tuo gregge, stanco e tormentato
dal Tuo rigor chi mai difenderà.

2. Abbi, Signor, del popol Tuo pietà,
che Tu eleggesti per il Tuo servizio
ei T’offre il cuore in santo sacrifizio:
salvalo ancora nell’avversità.

3. Quanti nemici irromperanno ancor
con rabbia cieca e mano criminale?
A liberarci niuna forza vale;
i figli Tuoi risparmia Tu signor.

La casa Tua, Signor, bramo (Salmo 84)

Canta Lucio

1. La casa Tua, Signor, bramo,
a Te mi volgo e chiamo,
dolce è per me la Tua dimora.
L’anima mia si leva a Te
per esaltarti, o nostro Re.
Beato chi Ti loda ancora
e nel Tuo tempio abiterà:
in Te soltanto forza avrà.

2. Chi cerca il tempio Tuo santo
per elevarti il canto
sempre sarà forte e gioioso.
Comparirà davanti a Te,
Ti loderà con vera fé.
Io chiedo a Te, Signor pietoso,
con Te per sempre di abitar
e nella casa Tua restar.

3. Sei Tu, Signor, il mio sole
e sol delle parole
della Tua gloria e della grazia
io voglio viver, mio Signor.
Dona ai Tuoi figli il Tuo favor
e i Tuoi credenti sempre sazia,
di grazia, di felicità,
Signore, Dio di gran bontà.

Un canto nuovo a Dio cantate (Salmo 96)

1. Un canto nuovo a Dio cantate
popoli Suoi, Lo celebrate!
Egli è l’Eterno Salvator;
la gloria Sua annunciate ognor,
la Sua salvezza proclamate.

2. Gli dèi che adorano i pagani
sono soltanto idoli vani.
Solo il Signore è il Creator.
Ei sol è degno d’ogni onor,
la forza tien nelle Sue mani.

3. Gloria aL Signore ancora date,
popoli tutti a Lui portate
in sacrificio il vostro cuor,
nel tempio santo andate ancor,
tutti davanti a Lui tremate.

4. L’Eterno regna con potenza,
giudica il mondo. In Sua presenza
esultin cielo, terra e mar,
perché Dio viene a giudicar.
con fedeltà, con gran clemenza.

A Dio cantate un canto nuovo (Salmo 98)

1. A Dio cantate un canto nuovo
poiché prodigi Egli operò;
la Sua man destra vittoriosa
e il santo braccio Suo levò.
L’onnipotente ha rivelato,
il gran mister di Sua pietà;
la Sua giustizia han contemplato
del mondo fin le estremità.

2. Egli è fedel s’è ricordato
di soccorrevol Sua bontà;
per il Suo popol di credenti
Egli è l’Iddio di fedeltà.
Or giubilate e salmeggiate
col suon di corni e cetre d’or;
o della terra abitatori,
gloria cantate al Signor.

3. Risuni il mare e ciò che in esso,
di gloria echeggi il mondo inter.
I fiumi battano le mani,
e i monti esultin di piacer.
Poiché Egli vien per giudicare,
vien le nazioni a governar;
la Legge Sua, la Sua giustizia
saprà fra i popoli instaurar.

Amo l’Eterno, mio soccorritor (Salmo 116)

Lucio + Daniela

1. Amo l’Eterno, mio soccorritor,
poiché Egli ha udito l’alto mio lamento
e ai miei sospir l’orecchio porse attento;
tutti i miei giorni, loderò il Signor.

2. M’aveva indotto quel mio vano errar,
in angosciosa, tragica distretta;
e della morte preso nella stretta,
così il Signor mi volsi a supplicar.

3. “L’anima mia Tu libera o Signor,
m’asciuga il pianto, mi rafferma il piede,
camminerò davanti a Te con fede:
T’esalterò tra i vivi con fervor.

4. Da morte a vita, mi condusse allor
l’Eterno giusto, misericordioso,
poiché protegge gli unili pietoso,
sempre li guida, forte Redentor.

5. A Te, Signor, che render mai potrò?
Dei Tuoi preziosi doni sovrabbondo.
Vo’ salmeggiare e proclamare al mondo
che la Tua grazia, sola mi salvò.

A Dio rendete onore e gloria (Salmo 118)

1. A Dio rendete onore e gloria
per la Sua eterna gran bontà!
Popoli Suoi cantate in coro
la Sua lode per ogni età!
Nella distretta e nell’angoscia
l’Eterno mio soccorritor,
con la Sua man m’ha liberato,
e m’ha colmato di favor.

2. In Lui sol trovo il mio rifugio,
in Lui salvezza e vita avrò.
Egli soltanto è Dio fedele,
sol Egli grazia mi donò.
No, non confido nei potenti!
Confido solo nel Signor,
che, nella lotta dolorosa,
Egli m’ha reso vincitor.

3. Solo l’Eterno è la mia forza
e il canto mio per ogni età.
In Lui soltanto ho la salvezza;
in Lui il cuor giusto esulterà.
Salgano al cielo i nostri canti,
uniam le voci a celebrar
il Dio di gloria e di salvezza:
grandi prodigi sa operar!

4. Tu sei il Signore che io adoro;
Te sol per sempre loderò.
Tu sei il Signore che io onoro;
Te sol per sempre esalterò,
A Dio rendete onore e gloria
per la Sua eterna, gran bontà!
Popoli Suoi cantate in coro
la Sua lode per ogni età.

Or tutti insieme (Salmo 134)


1. Or tutti insieme d’un sol cuor
siam qui fratelli, a celebrar
l’alta potenza del Signor,
la Sua gloria magnificar.

2. Nel tempio Suo le mani alziam;
noi confessiam ch’Egli è il Signor;
lodi al Suo nome ancor cantiam,
esultanti e gioiosi ognor.

3. Dio l’amor Suo ci rivelò;
siamo la greggia Sua quaggiù,
popol ch’Egli riscattò,
che sol vive per Sua virtù.